martedì 16 gennaio 2018

Recensione "La cosa più bella che ho" di K.A. Tucker

Buongiorno lettori,
vi parlo oggi di un meraviglioso romanzo di K.A. Tucker, una certezza quando si è alla ricerca di un buon romanzo.
Buona lettura!


Acquistalo, QUI

Amber Welles ha venticinque anni e un gran bisogno di uscire dagli stretti e rassicuranti confini della cittadina dell’Oregon in cui è cresciuta. Quando finalmente, armata dei risparmi di due anni, può partire alla scoperta del mondo, è pronta a tutto. Tranne che a morire a Dublino. Eppure, se non fosse stato per il coraggio di un estraneo, sarebbe finita proprio così. Amber gli deve la vita, ma il ragazzo scompare prima che lei possa ringraziarlo. River Delaney, ventiquattro anni, è molto scosso. Nessuno doveva farsi male. Ma poi è arrivata quella turista americana. Non poteva lasciarla morire, ma non poteva rischiare di essere identificato sulla scena, quindi è scappato. È tornato alla sua quotidianità, a gestire il pub di famiglia. Ma la vita di tutti i giorni sta diventando sempre più complicata, per colpa di suo fratello Aengus e delle sue frequentazioni sbagliate. Quando la ragazza americana lo rintraccia, River si accorge di essere pericolosamente attratto da lei. E averla intorno è un rischio che non è disposto a correre. La cosa migliore da fare sarebbe allontanarla, ma non è facile respingere qualcuno che ossessiona i tuoi pensieri…

Confesso che la stretta che sento adesso al cuore
non è niente rispetto a ciò che sentivo prima di
incontrare River.

Ma quanto amo la Tucker? Tanto, anzi, tantissimo. Questo terzo capitolo della "Burying Water Series" è stato emozionante e romantico . Ho amato i protagonisti e mi è dispiaciuto moltissimo lasciarli andare. Amber è partita alla scoperta del mondo ma, quando arriva a Dublino, tutto cambia. L'incontro/scontro con River è una vera 'esplosione', in senso letterale.
L'autrice ci descrive ed esplora la mente di entrambi i suoi personaggi attraverso una narrazione alternata. La trama non è scontata e tocca temi importanti come le lotte per l'indipendenza irlandese e il movimento dell'IRA. E' stato interessante scoprire dettagli ed episodi storici che non conoscevo.
Questi argomenti non hanno per nulla appesantito la trama anzi, l'hanno resa più interessante ed originale.

Lo conosco da una settimana.
Una settimana!
La settimana più indimenticabile di tutta la mia vita.

Si parla d'amore ma non in modo melenso. C'è passione, gioco di sguardi, gite fuori porta e paura per il futuro. Amber e River appartengono a due mondi diversi e distanti, pochi mesi non sono sufficienti per prendere decisioni drastiche. E' stato bello vedere che l'autrice ha sviscerato i problemi fino alla fine, non rendendo la vita facile ai suoi protagonisti. Lo stile della Tucker è scorrevole e piacevole da leggere. E' una storia tutta da scoprire  e che riserva molte sorprese.
Non è il solito romance scontato e banale, lo apprezzerete senza dubbio.
Lo consiglio!



3 commenti:

  1. Ho questo libro sull'eReader che mi aspetta da un po' e mi ero dimenticata di quanto fosse intrigante la trama. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei poi è bravissima. Se hai tempo ti consiglio di recuperarlo =)

      Elimina
  2. Ciao Marta, della Tucker ho letto "99 giorni" e mi è piaciuto moltissimo, sono curiosa di leggere anche questo suo nuovo romanzo ;-)

    RispondiElimina