lunedì 9 maggio 2016

Recensione in ANTEPRIMA "Dimmi tre segreti" di Julie Buxbaum

Buongiorno cuori librosi,
oggi vi parlo di un romanzo YA carinissimo in uscita il 10 Maggio per DeAgostini.
Si tratta de "Dimmi tre segreti", scritto da Julie Buxbaum.
Buona lettura!


LA COPERTINA:



LA RECENSIONE:

"Volevo bene alla mamma perché era mia.
E io ero sua.
E questa sensazione di appartenere a qualcuno non mi capiterà mai più.
I giorni perfetti sono per le persone con sogni piccoli, realizzabili. O forse sono per tutti, solo che lo capiamo con il senno di poi: sono perfetti solo ora che contengono qualcosa di irrevocabilmente e irrimediabilmente perduto."

Jessie ha sempre vissuto una vita tranquilla, ordinaria se vogliamo. La sua famiglia non era né ricca né povera, nella media così come la scuola e gli amici che frequentava. Perché uso il passato? Perché da quando sua madre non c'è più, tutto è cambiato. Suo padre ha avuto un colpo di fulmine con una ricca vedova di Los Angeles e dopo un matrimonio lampo, si sono trasferiti nella villa a cinque stelle della matrigna. Un mondo nuovo, assolato e decisamente pieno di sfarzi, si apre adesso davanti a lei che non è per nulla preparata ad affrontarlo. Dopo il primo giorno di scuola, una mail anonima dà una svolta decisiva alla sua nuova vita. Il misterioso "Perfetto Sconosciuto" è ufficialmente la sua guida spirituale.

Io: Tre segreti. (1) Non so chi sei. Vorrei saperlo. Credevo che fossi qualcun altro, ma ora so che mi sbagliavo. (2) Non ti ho mai mentito, non credo. (3) Non so più dove sia casa mia.

PS: magari "casa" non è necessariamente un posto.

Io: Magari no.

Lentamente, ma inesorabilmente, lo scambio quotidiano di mail con PS, diventa una piacevole abitudine a cui ricorrere quando il clima si fa troppo pesante. Nella nuova scuola è tutto strano e diverso, sembra circondata da cervelloni che fanno yoga tra una lezione e l'altra, sempre rigorosamente vestiti con abiti da migliaia di dollari. La vita in casa non è più facile, con la matrigna e un fratellastro che a stento le rivolgono la parola e che hanno abitudini totalmente diverse. Jessie si sente in gabbia, senza dubbio una gabbia piena di comfort e super lussuosa, ma pur sempre una gabbia. Le manca la sua vecchia vita e la sua migliore amica,per questo riceve in regalo un week end a Chicago, ma una volta lì si accorge che le cose sono cambiate. Adesso non appartiene più nemmeno alla sua vecchia vita e, in fondo in fondo, le manca Los Angeles, PS e Ethan..soprattutto Ethan.

"Siamo solo io e lui, Ethan è Ethan è Ethan e Jessie è Jessie è Jessie, e le sue labbra sfiorano le mie. Ma a volte un bacio non è un bacio non è un bacio.
A volte è poesia."

Ethan è il suo compagno di scuola e spalla per un compito di letteratura. Jessie si sente molto attratta da lui, dall'aura di mistero che emana e, perché no, anche dalla sua onnipresente maglietta di Batman. Certo, anche PS è un bel personaggio, ma ancora non vuole decidersi ad incontrarla. La sua vita prende una piega inaspettata, forse c'è una via d'uscita in quell'inferno in cui crede di vivere.
Forse la vita le riserverà ancora tante sorprese.


IL MIO GIUDIZIO:

Carino, carino, carino. A partire dalla copertina dolcissima, questa lettura mi è piaciuta moltissimo.
Semplice, scorrevole, leggera, a tratti profonda e intensa. Jessie è un personaggio interessante e tutto da scoprire, mi sono ritrovata in alcuni suoi aspetti di adolescente e immedesimata più volte nel suo stato d'animo. Originale l'idea della "guida spirituale" che diventa un punto fermo sia per la protagonista che per il lettore che cerca di capire fino all'ultimo chi si cela dietro l'account di PS. 
Il personaggio di Ethan merita un discorso tutto suo: parliamo di uno dei ragazzi più desiderati della scuola sul quale pendono giudizi pesanti basati soltanto sul passato e su una storia non sua. La sua maglietta di Batman entrerà nella storia dei particolari librosi che mi piace annotare durante le mie letture. Finale tutto da scoprire e dolcissimo da leggere. Narrazione fluida, resa ancor più scorrevole dallo stile narrativo scelto. Uno Young Adult davvero ben scritto, lo consiglio!


4 commenti:

  1. ho letto altre recensioni di questo libro e tutte lo danno come un libro consigliato ma se lo dici tu mi fido e messo in WL

    RispondiElimina
  2. Ah, ahimè avrei voluto adorare questo libro come te, ma non è stato possibile.
    Sarà stata la protagonista a me in odio per certi comportamenti egoisti, sarà stato altro, ma non sono riuscita ad apprezzare a pieno questo libro.
    La storia è scritta benissimo, i personaggi ben caratterizzati e le riflessioni messe in bocca alla protagonista sono vere e deliziosamente schiette, ma per me purtroppo non è bastato per ottenere il votone che avrei voluto dare alla Julie Buxbaum (trovi la recensione qui).
    Ciau!
    Rainy

    RispondiElimina