lunedì 9 aprile 2018

Recensione "Evadne e la Valle delle Gorgoni" di Diana Al Azem

Buongiorno lettori,
dopo tre anni di attesa è finalmente arrivato in Italia il seguito di "Evadne - la sirena perduta" (di cui vi avevo parlato, QUI) .
Esce oggi, sempre per Dunwich Edizioni, il secondo capitolo della saga fantasy dedicata al mondo sommerso e al mito delle sirene, "Evadne e la valle delle Gorgoni". Ancora una volta, Diana Al Azem mi ha conquistata e, per saperne di più, non vi resta che continuare a leggere.


Acquista la tua copia, QUI

Eva, seguita dai suoi fedeli amici, intraprenderà un viaggio senza ritorno verso l’isola dove sua madre è tenuta prigioniera. Nuovi personaggi e vecchi alleati riaffioreranno in quest’avventura per aiutare Eva a combattere contro l’esercito delle gorgoni. La feroce lotta tra il bene e il male, unita al cambiamento interiore della protagonista, renderà questa storia una lettura elettrizzante per coloro che desiderano immergersi in un mondo sorprendente. Un mondo in cui la realtà si fonde con la fantasia in un ricco mix di azione e colpi di scena. Riuscirete a resistere al fascino delle sirene?

Il mio cuore piangeva felice per un nuovo inizio, una nuova identità. Come mi aveva detto il signor Fisher prima di partire, c'era un tempo per nascere e un tempo per morire. Quello era senza dubbio il tempo della mia resurrezione.

Il primo capitolo di questa trilogia mi era piaciuto moltissimo e attendevo con ansia il seguito e gli sviluppi su un personaggio che, ancora adesso, sento molto reale e poco idealizzato. Nel giro di pochi mesi, la vita di Eva era stata sconvolta da una quantità di informazioni e verità che rischierebbero di far impazzire chiunque. Con molto coraggio e determinazione, a mio avviso, la ragazza non si lascia abbattere e prosegue il suo viaggio verso la verità e verso un destino che appare già segnato.
Nel libro precedente, c'era stato poco spazio per i personaggi e le loro personalità, l'autrice aveva ricreato uno splendido mondo sommerso e un'ottima base per la sua saga e questi elementi ne avevano un po' risentito. In questo libro, invece, Eva e Naiade vengono analizzati e descritti in maniera più specifica: continuo ad essere pazza del guerriero Naiade, nonostante tutto, e ho confermato la mia buona opinione sulla protagonista che non si rivela mai né troppo fragile e indifesa, né affetta da deliri di onnipotenza e super poteri, la definirei un'eroina coi fiocchi. Mi sono piaciuti tantissimo ed è stato bello scavare un po' più a fondo nelle loro anime. Ma se c'è spazio per l'amore, che si esprime su più livelli, c'è spazio anche per l'azione e il coraggio.

Era ironico che io, dopo tante scoperte impossibili, dopo tanti segreti rivelati, ancora non riuscissi ad abbandonare lo scudo della ragione e della logica, e a credere a quello che vedevano i miei occhi.

Una nuova battaglia attende la nostra Evadne che, stavolta, si ritrova ad affrontare altre terribili creature mitologiche, le Gorgoni. Mi riaggancio a questo elemento per sottolineare la bravura dell'autrice e il lavoro di ricerca che c'è dietro questa saga: non è semplice intrecciare miti e leggende con una trama senza renderla eccessivamente noiosa e complicata, non è semplice nemmeno dare un volto e una fisicità a figure mitologiche cucendogli addosso un personaggio e un pensiero preciso. Diana Al Azem è bravissima in questo, tutto nelle sue storie è ben dosato e si amalgama perfettamente al contesto, diciamo che non si tratta del solito fantasy assurdo e romanzato a livello master ed è forse proprio questa la particolarità della serie. La prosa dell'autrice è curata nel dettaglio e la narrazione è molto scorrevole e procede con un ritmo incalzante. I momenti epici, di battaglie e scontri che lasciano col fiato sospeso, sono equilibrati da momenti di riflessione e consapevolezza. La verità è ad un soffio e Evadne è finalmente pronta ad accettare la sua natura e il suo destino.
Epilogo agrodolce, ma essendo un serie, era inevitabile. Attendo con ansia il capitolo finale per scoprire cosa ne sarà del mondo sommerso. 
Se siete appassionati di fantasy e del mito delle sirene, non potete proprio farvi scappare la serie di Diana Al Azem.



Nessun commento:

Posta un commento