mercoledì 6 agosto 2014

Libri cartacei VS Ebook

Buonasera miei amati lettori!
Stasera voglio proporvi un tema interessante sul quale in molti si interrogano.
Siamo ormai lanciati nell'era del digitale e naturalmente anche l'industria letteraria si è "attrezzata" in tal senso, sono nati così i famosi e-book!
Copie digitali da leggere da pc,tablet e addirittura dallo smartphone.
Analizziamo nel dettaglio entrambi i contendenti!


LIBRI CARTACEI:

Dai tempi dell'invenzione del papiro, l'uomo ha sempre scritto sulla carta.. ogni testimonianza, ogni segno di ciò che è stato e di ciò che sappiamo, lo dobbiamo ai resti scritti su carta e materiali simili.
Va da sé che l'immagine collettiva del libro preveda un tomo di pagine rilegate con una copertina a racchiudere il tutto. Su questa scia, l'editoria ha prodotto e continua a produrre, centinaia di libri ogni giorno che siano per la scuola o per la lettura e si sa che le abitudini sono dure a morire. Senza dubbio un'industria letteraria basata sui libri cartacei favorisce il lavoro e contribuisce a far girare l'economia; 
inoltre un libro è così come lo si vede: non ha bisogno di aggiornamenti, di un collegamento wi-fi o  dell'energia elettrica per ricaricarsi.
 A lungo andare un libro può rovinarsi, è ingombrante e resta lì "a prender polvere".
Tra gli aspetti negativi bisogna segnalare anche i "danni" al portafoglio: ci sono libri che hanno tutt'oggi, un costo molto elevato che magari non li rende accessibili a tutti e questo è un male! Tanto è vero che il campo dell'editoria cala un pò di più ogni anno che passa. 
Già è difficile trovare gente che legga, se aggiungiamo anche dei costi elevati, si rischia di uccidere il mondo letterario..perlomeno nella sua versione in carta e ossa!!

EBOOK:

Il libro 2.0!
Nel resto del mondo ormai i libri si leggono praticamente solo in questa forma, in Italia gli ebook stentano a decollare.
Colpa dell'abitudine? Dei pregiudizi? 
Da una parte ci sta.. chiunque storcerebbe il naso di fronte al fatto di leggere "Anna Karenina" sul Kindle/Kobo della situazione, invece che il classico mattone.
Gli Italiani sono un popolo di tradizionalisti poco incline al cambiamento. Abbiamo sempre letto fogli di carta, perché cambiare? Bhe, tanto per cominciare è un modo pratico per leggere.
E' conveniente, è veloce da acquistare e non occupa spazio. 
D'altro canto un black out manderebbe K.O. un eventuale pomeriggio di lettura e di certo nel deserto del Sahara non ci sarebbe la linea internet per acquistare un libro da leggere, dettagli non trascurabili...

Conclusioni:

Considerando il tutto, sono arrivata ad un buon compromesso: leggo entrambi!
Ci sono dei libri che non esistono in formato cartaceo, ma che mi hanno emozionato molto. Ci sono libri che amo e che voglio tenere vicino anche fisicamente parlando. 
Ci sono volte in cui un libro mi incuriosisce senza convincermi, allora acquisto l'ebook (che è più economico) e vedo se ne vale la pena. Insomma non limitiamoci a categorizzare sempre ogni cosa.
Nel bene o nel male.. basta che si legga!!! 

Nessun commento:

Posta un commento