lunedì 30 ottobre 2017

Recensione "La verità sul caso Harry Quebert" di Joel Dicker

Buongiorno lettori,
oggi vi parlo di un thriller che mi ha tenuta sveglia per un giorno intero per la curiosità di sapere come sarebbe andata a finire.
Pronti a scoprire "La verità sul caso Harry Quebert"?
Buona lettura!


Acquistalo, QUI

Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.


Avrò visto questo libro centinaia di volte in libreria e letto tantissimi pareri entusiasti sull'autore e la genialità di questo romanzo. Sottoscrivo ogni recensione positiva, questo libro mi ha affascinata e rapita come raramente capita. Il personaggio di Harry Quebert è enigmatico sin dall'inizio, diciamo che non ho voluto credere a tutta la bella favoletta d'amore malinconica e non vedevo l'ora di scoprire i segreti della sua anima. Marcus Goldman meriterebbe un oscar per lo stress a cui è stato sottoposto, nel giro di pochi giorni la sua vita è distrutta e solo lui può salvarsi e salvare l'amico di una vita.

Tu vuoi farmi parlare d'amore, Marcus, ma l'amore è complicato.
L'amore è molto complicato.
E' la cosa più straordinaria e al tempo stesso la peggiore che possa capitare.
Un giorno lo scoprirai.
L'amore può fare molto male.

In questo libro ci sono tantissimi personaggi maschili e tutti ruotano, nel bene o nel male, intorno alla figura di questa ragazzina che passa continuamente dall'essere vittima e santa, a spregiudicata e spudorata. La vita di Nola Kellargan è avvolta nel mistero più totale ed è difficile farsi un'idea chiara su di lei basandosi sui pareri discordanti degli altri. Quello che è certo e chiarissimo è il suo amore per Harry, un uomo molto, troppo più grande di lei che segnerà la sua rovina.

Una follia? Harry, è una follia restare in questa città schifosa!
Una follia è amarci come ci amiamo senza essere liberi di farlo!
Una follia è doverci nascondere come due cani rabbiosi!
Non ne posso più, Harry!

Un sentimento così nobile e puro come l'amore, ad Aurora, diventa motivo di scandalo e pettegolezzi.
La storia segreta tra Harry e Nola è un pericolo per entrambi e il motivo per cui la piccola scompare nel nulla. L'autore ha avuto una capacità straordinaria nell'ordire complotti per poi smentirli uno alla volta. Ad un certo punto credo di aver raggiunto un livello di frustrazione altissimo perché non riuscivo a venire a capo dei segreti e dei sospetti che sfociavano, puntualmente, in un fuoco di paglia. 

Il pericolo dei libri, mio caro Marcus, è che
a volte puoi perderne il controllo.
Pubblicare significa che, all'improvviso, ciò che hai scritto in piena solitudine
ti viene strappato dalle mani per essere gettato sotto gli occhi del pubblico.
E' un momento di grande pericolo:
devi riuscire a dominare la situazione in ogni sua fase.
Perdere il controllo del proprio libro è una catastrofe.

Il romanzo è un libro nel libro, Marcus deve far luce sulla vicenda in un racconto verità su Harry, ma deve anche rendere giustizia ai protagonisti innocenti e accusati ingiustamente. 
Dicker si è rivelato un autore straordinario, con una capacità narrativa fuori dal comune. Nonostante la mole di pagine, la mia attenzione non è mai calata stimolata dai continui misteri e dalla suspense altissima. L'epilogo è all'altezza del libro e mi ha lasciata, ancora una volta, a bocca aperta.
Non c'è nulla di prevedibile e scontato ne "La verità sul caso Harry Quebert" ed è una lettura che vi consiglio assolutamente di fare!



6 commenti:

  1. Felicissima che ti sia piaciuto 😍

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione😍😍 Sono assolutamente d’accordo su ogni parola, pochi giorni fa ho avuto anche io il piacere di leggere e finire questo thriller mozzafiato, sono rimasta totalmente colpita e vuota una volta terminato. Vorrei trovare altri thriller come questi da leggere 😢 Complimenti ancora per la recensione!! 🔝😍

    RispondiElimina
  3. Ciao! E' piaciuto tantissimo anche a me, al momento lo considero il miglior libro fra quelli letti nel 2017!
    E complimenti a te per il blog, non avevo mai scritto prima, ma ti seguo da qualche mese con piacere :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana, grazie! È un piacere averti qui!

      Elimina
  4. Nonostante la mole ho divorato questi libro in un paio di giorni. Pur non amando i gialli, Dicker mi ha conquistata. Semplicemente stupendo!

    RispondiElimina
  5. Letto qualche giorno fa. Sottoscrivo tutto quello che hai detto sul libro è sui personaggi. Secondo me è soprattutto una storia d'amore, l'amore di Nola e Harry e l'amore per la scrittura e la verità di Marcus. Nola è un personaggio sempre presente nella mente degli altri protagonisti ma anche in quella del lettore anche se è scomparsa da più di 30 anni. Libro lunghissimo (750 pagine) ma che scorre come pochi thriller,mai noioso, mai scontato. Stupendo! Vedrò la serie TV con grande aspettativa!

    RispondiElimina