venerdì 2 settembre 2016

Recensione "Dead man" di Domino Finn

Buongiorno cuori librosi,
sono pronta al parlarvi di un libro figo! So che non è molto letteraria e chic come parola, ma è la prima che mi viene in mente quando penso a questa incredibile storia scritta da Domino Finn e pubblicata dalla Dunwich Edizioni!
Buona lettura!

LA COPERTINA:




LA RECENSIONE:

"Cisco Suarez (che poi sarei io) non è soltanto un negromante. E' anche un incantatore di ombre. Era quella la magia che avevo appena utilizzato. L'oscurità intorno a me c'era ancora, ma adesso potevo vedere attraverso di essa."

Immaginate di svegliarvi in un cassonetto di Miami senza sapere come ci siete finiti. Immaginate di avere dolori ovunque e di non ricordare assolutamente niente sulla vostra vita. Frustrante vero? Per un ego smisurato come quello di Cisco Suarez, lo è ancor di più. A causa delle sue abilità e dei suoi poteri, si è spesso cacciato nei guai ma questa volta sembra averla combinata davvero grossa.
L'unico modo per ottenere risposte, è tornare a casa dove ad attenderlo, non c'è una grossa tazza fumante di caffè, ma la desolazione più totale. 

"E' ciò che la vita fa dal momento in cui nasci. Dà e toglie indiscriminatamente, aggiungendo massa o togliendola via come tanti strati di pittura. Le persone sono solo i resti, gli avanzi."

La verità è più grave del previsto. A quanto pare non si avevano notizie di Cisco Suarez da dieci lunghissimi anni. E' stato ucciso in un rito magico, a quanto dice un rapporto di polizia. Ma come è possibile? Cisco è vivo, è potente ma non così tanto da resuscitare. Che cosa è successo nel vuoto di memoria durato dieci anni? Cosa ne è stato della sua famiglia e, soprattutto, perché una gang vodoo gli sta alle costole? Tanti interrogativi e nessuno che possa fornirgli una risposta.
L'unico modo è ricorrere ai suoi poteri e scoprire finalmente la verità.

"Ero solo, adesso. Un fuorilegge della magia nera.
Già, solo pochi istanti prima avevo pensato di aver visto la parte peggiore. Ora sapevo che era solo l'inizio. Per me andava bene.
Forse era il momento che facessi del bene a questo mondo."

La verità, per quanto agognata, è devastante. Per dieci anni è vissuto da zombie al servizio di un padrone senza scrupoli. Azioni indicibili sono state commesse, nessun perdono potrà mai restituirgli quello che ha perso. Cisco Suarez è solo alle prese con un mondo nuovo e una vita da ricostruire.


IL MIO GIUDIZIO:

E ora venite a dirmi che questo libro non è figo!
Originalità, magia, un personaggio molto sexy e potente: questi gli elementi vincenti di "Dead Man", un fantasy diverso da quelli a cui siamo abituati. Il protagonista è un concentrato di ironia e tragedia messi insieme, nonostante le terribili esperienze, Cisco Suarez trova sempre il modo per strapparvi un sorriso. Molti elementi della storia sono stati appena accennati e lasciano con una certa dose di curiosità che non vedo l'ora di soddisfare con il prossimo capitolo della serie. Lo stile dell'autore è scorrevole e dal ritmo incalzante, la narrazione in prima persona si adatta perfettamente alla storia che ci viene raccontata e ci fa entrare in contatto diretto con tutto quello che vive e prova il personaggio.
Mi è piaciuto moltissimo e lo consiglio vivamente!!!


                                                                          

4 commenti:

  1. È nella mia TBR di settembre, non vedo l'ora di iniziarlo! *-*

    RispondiElimina
  2. Ma sai che invece lo stavo lasciando da parte? Gravissimo errore a quanto pare xD bella recensione, complimentissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto bello, merita una possibilità!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina