venerdì 22 gennaio 2016

Recensione "Rosa meccanica" di Giulia Anna Gallo

Buongiorno cuori librosi,
oggi vi parlo del terzo capitolo della "favolosa" serie 'Once upon a steam', edita dalla Dunwich Edizioni.
Stavolta la fiaba rivisitata è la Bella e la Bestia ed è scritta dall'autrice Giulia Anna Gallo.

LA COPERTINA :



LA RECENSIONE :

"Nessuno ti amerà mai completamente, nessuno accetterà di voler bene al mostro del quale non ti puoi liberare. Sei incatenata alla bestia, sua fino alla fine del tempo. E finché qualcuno non imparerà a vedere oltre la sua corazza, a scorgere il bene celato dietro di essa, la solitudine sarà il tuo fato. Non illuderti di poter cambiare le cose, nemmeno il sentimento più puro ne è in grado. "

La vita di Bella è segnata dal destino: i petali tinti di rosso di una rosa meccanica, la tengono prigioniera di un mostro che regna sovrano nel piccolo paese di Darkwood. Un'allegra combriccola di briganti e manigoldi, viene assoldata dagli abitanti del villaggio per liberarli dallo sgradito ospite. Tra di loro c'è Bestia, un uomo dall'animo puro, che si è arreso al male per sopravvivere nella speranza di un futuro migliore. Nessuno crede che ci sia del buono nel mostro, solo Bella ne è convinta. I petali della rosa sono quasi terminati e finalmente potrà essere libera.

"In quel momento non gli interessava il resto del mondo e finalmente comprese che non importava come chiunque altro lo avesse giudicato; l'unica persona della quale avrebbe dovuto dimostrarsi degno, l'unica la cui opinione su di lui avesse un valore, era la fanciulla alla quale apparteneva e che intendeva rendere propria."

Gaston e i suoi compagni, compreso Bestia, hanno studiato un piano perfetto per uccidere il mostro, con l'aiuto dell'inconsapevole Bella.
Bestia si rende conto che è una cosa meschina, servirsi della ragazza, e più tempo trascorre con lei, più vuole tirarsi indietro e rivelare tutto a Bella. Finale a sorpresa con l'intervento di un personaggio che abbiamo già incontrato e l'insegnamento che bisogna sempre guardare oltre le apparenze.


IL MIO GIUDIZIO :

Divorato in un'ora, anche questo capitolo si aggiunge alla bellissima e originale  serie 'Once upon a steam '. Un progetto fantasioso e geniale portato avanti con idee brillanti e innovative. In "Rosa Meccanica", l'autrice ci regala una rivisitazione della nota fiaba de La Bella e la Bestia, conservando elementi e personaggi chiave (compresi i cattivi come Gaston), e integrandoli con gli elementi steam punk che caratterizzano la serie. Con uno stile fluido e curato, la lettura scorre piacevole e in un attimo siamo già alla fine. Mi è piaciuto il cross over finale, che solo gli amanti della serie capiranno, e i messaggi  nascosti nella narrazione. Non manca nulla, ed è la lettura ideale per chi non è ancora troppo grande per le favole. Consigliata!!!

2 commenti:

  1. Ma quanto è bella questa cover? *-*

    RispondiElimina
  2. Ecco dopo aver letto Beastly un'altra rivisitazione della Bella e la Bestia non posso non leggere anche questa che a dire la verità è il terzo capitolo di una serie Once Upon a Steam di cui possiedo già i primi due capitoli ma che non ho letto che sono tutte rivisitazioni di favole classiche e per un amante come me del fantasy delle favole non posso non leggerle al più presto

    RispondiElimina